Il cavoliere delle Puglie e cose turche

scritto da Alessandro Doro

Al bar di Bari
barbari
bari
e barboni
a bere
Rabarbaro
e Peroni.

Al TAR di Taranto
un tarantolato utente d’Otranto
ricorre, intanto
e l’attenta corte in tartan
tartaglia accorte sentenze
speranze sparse in una stanza
tra tanto esultar e tanto insultar.

A est d’Ostuni
mi strozzo a ostriche
e champagne.
A ovest in campagna
m’avveleno
d’olive e Martini.
E alleno le vele
e studio i venti.
Domani mattina
partire per mare!

Al Mar di Marmara
mordiamo
marmellata
di tedio
e di more
te
ed
io,
amore
morte.

Ascolta Il cavoliere delle Puglie e cose turche letta dall’autore

Piccoli atti di rivolta semantica

scritto da Gaia Donati

Cecilia bambina è seduta al tavolo della cucina e fa merenda con biscotti e succo di frutta. Senza preavviso chiede al papà, perché il tavolo si chiama tavolo e la sedia si chiama sedia? Giocherella con le briciole nel piatto e aggiunge, quasi tra sé e sé, io magari gli voglio dare nomi diversi. Il papà raccoglie questa sfida genitoriale alla sua capacità di improvvisazione, ci pensa un attimo e le risponde che può provare a chiamare il tavolo sedia e la sedia tavolo, ma poi che cosa penserà il cameriere che si senta dire ‘Una sedia per tre, per favore’? Compiaciuta dall’esito della sua innocua contestazione infantile, Cecilia ride buttando indietro la testa bionda e riccioluta. Continua a leggere

Arrotondare l’impasto

scritto da Bianca Giacalone

Zio Mario la prende con delicatezza e tra le sue mani scure sembra un piccolo gluteo bianco. Prima fa dei movimenti energici, la riscalda e la stende poco a poco, come per farla abituare. Ci appoggia la parte più dura dei palmi, la gira, ci immerge tutta la mano, la stende di nuovo e di nuovo la contorce. Le dà sempre un pizzico, che rimane impresso su di lei, e la assaggia. Finché decide che è pronta perché è morbida e stanca e deve lasciarla riposare. Non prima di averla fatta tonda: le dà delle pacche gentili con la mano destra, mentre è adagiata sul palmo pieno della sinistra. I colpetti hanno un suono tondo di carne colpita. Poi la cosparge di farina, la mette nel contenitore e la copre con un panno bagnato. Spesso sono lì a guardare mentre lo fa, spesso m’immagino le stesse mani su di me. Continua a leggere

L’otorinolingottotroia (con due variazioni)

scritto da Alessandro Doro

L’otorinolingottotroia

L’arrotino di Torino
arrotò tutto l’oro
di Svizzera, Svezia e Botswana.
Porca puttana,
quant’era bravo!
Ma non si sa a far che.

(Variazione Kuaska) Volumetrico

L’arrotino di Torino
arrotò tutto l’oro
di Svevia, Norvegia e Cambogia
e le erre di orzo, birra e cervogia.

Porca prostituta! ho la certezza
che a ber troppa cerveza
girerà la cabeza.

(Variazione Ėjzenštejn, con deviazione maltusiana) Folgore

L’arrotino di Torino
arrotò tutto l’oro
di Zara, Roma, Novi e Grado.
E con Lenin a Odessa
rotolò per la scala,
teatro di Guerra,
corazzata di carrozzine,
chiarori di Corazzini,
corazzieri azeri,
bombardieri, avieri,
inespugnabili Fortini,
inferno di Manganelli,
barricate, palizzate,
Campana rintronante,
ardenti, Soffici lame Merini.

Nel frattempo, nel parterre di Petrolini,
appresso a un peto di Trilussa,
lo zar di Russia urlava:
IN-A-GADDA-DA-VIDA

Porca zoccola, è pazzesco!
Palazzeschi si rivolta,
la pellicola si riavvolga! presto!

E poi? E poi? E poi?
Null!

Ascolta L’otorinolingottotroia (con due variazioni) letta dall’autore

Emergere

scritto da Anita Renchifiori

“Enola Gay
You should have stayed at home yesterday
Ah-ha words can’t describe
The feeling and the way you lied”
Enola Gay, Orchestral Manouvres in the Dark

L’acqua, a poco a poco, aveva formato una pozza al centro della cucina, come se il pavimento fosse inclinato. Ero già in costume da bagno e stavo cercando di asciugarla, quando mi è squillato il telefono.
L’ho messo sul tavolo col viva voce e il video acceso. A Sidney erano solo le sette, ed Ernesto aveva ancora l’aria addormentata.
«Ma è rotto rotto?» mi ha chiesto quando gli ho raccontato del frigorifero. «Hai provato a staccare la spina e riattaccarlo?» Continua a leggere

Chinhook

scritto da Lisa Malagoli

I fulmini sono la terza cosa al mondo che mi fa più paura. Mio marito apriva la porta di casa tutte le volte che esplodeva un temporale. Si appoggiava allo stipite e restava a guardare la pioggia, con le braccia incrociate. Tendeva i dorsali e la camicia si tirava. A volte i fulmini si schiantavano così vicini che le pareti tremavano. Continua a leggere

Cosa resta da dire

scritto da Susanna Fiori

Cosa resta da dire quando
finisce la tenerezza?
Due corpi che hanno sguazzato insieme
nello stesso sudore,
ansimato guardandosi negli occhi
possono stringersi la mano?
Non credo che esista un modo di toccarti
che non c’entri col piacere.
Non credo che esistano parole
da dirti senza amore.

Cali il silenzio come pietra tombale.
Senza i baci al posto delle virgole
non ho frasi per te.
Di cosa mai potremmo parlare?

Ci rimangono meno discorsi
che con l’estraneo al tavolino
perché sai già il mio sangue
le lacrime, la saliva
hai in pugno tutti i mei umori,
i movimenti della lingua
i brividi di quando si è nudi
e anche l’alito del mattino.
Mi hai lavato, imbalsamato i capelli
dal petto di cui ho contato i respiri
non voglio fiati (dichiarativi), mi basta
che tu respiri ancora
che tu sappia e non dimentichi.

Il ricordo muto
ci starà sopra come una nuvola
(greve piena)
e l’unico argomento allora forse
sarà il tempo:
diverso, ma uguale
al solo che si ha
con i vecchi in ascensore.

Ascolta Cosa resta da dire letta dall’autrice

La signorina Felicita

scritto da Alida Airaghi

Ogni mattina, per recarsi al Ministero, scendeva la scalinata che da casa sua portava a Trastevere: disseminata qua e là di escrementi di cani, cartacce, talvolta topi morti.
Ma lei guardava sempre dritto davanti a sé, per un’abitudine inculcatale già dall’infanzia: quindi vedeva solo cose belle, i tetti dei palazzi, il cielo di Roma, il Cupolone. E la sua espressione era costantemente atteggiata a un sentimento di ammirazione e gratitudine. Se la felicità è fatta di piccole cose, ebbene lei, ogni mattina, era felice. Continua a leggere

Parti sconosciute

scritto da Giulia Medaglini

Bruna Leoni odia le ripetizioni. Bruna Leoni odia le ripetizioni. Bruna Leoni odia le ripetizioni. Ripetizioni. Petizioni. Lezioni. Addizioni. Moltiplicazioni. Fazioni. Odia il numero tre ancora di più. La terza A contro la terza B, sempre a ogni ricreazione. I maschi a sfidarsi a colpi di pallone, le femmine a mosse di ballo copiate dalla tv. E Bruna in un angolo, sudata di corsa campestre a leggere l’ultimo numero di Psycho-Pass nel bagno con le inferriate alla finestra. Ché qualcuno ci si è ammazzato da lì, dicono. Un salto di una decina di metri, dritto sulla testa a rincalcare le vertebre a fisarmonica. Chissà chi l’ha pulito il sangue dalle crepe dell’asfalto, poi. Dalle foglie di stoppione che si spelano a ciuffi nelle aiuole trasandate. Chissà. Chissà chi l’ha pulito il sangue dalle crepe dell’asfalto. Dallo stoppione spelato a ciuffi, quel sanguinaccio infestante. Bruna le odia le sue dita secche e i rimasugli di croste sotto le unghie, perché le rendono difficile concentrarsi. Continua a leggere

Alberi

scritto da Susanna Fiori

Una vita lunga e bella
basterà a scusarmi?
Vorrei potermi struccare
di tutti i miei difetti
idratare con questa crema
le parti secche
ma non della pelle.
Vorrei avere rami d’amore
cresciuti in ogni dove,
in momenti come questo anche quelli
che avevo amputato nel dolore
li bocciolerei tutti, boccioli
da poter offrire.

Se a volte son albero
nero, chino su un fosso,
albero di taiga, sparviero,
altre volte ciliegio
frutto, nocciolo betullo
frassino quercio ulivo
cespuglio.
Forse pioppo, forse fango spesso
ma anche pesco, anche cielo.
Son rosa ma non spino
ed altre volte lo giuro
abeto rosmarino,
e pero e melo e nocino.
So che a volte velenoso rovo
e roveto aguzzo e punto
però anche se pungo poi bacco
e succo, profumo e folto
alloro e lauro.
Anche se brucio sorgo e voglio
portar gioia

ma accade che brullo
pianuro e inondo
sfogo, scolo e stagno
è vero a volte sono strazio
e mangio e ingrasso,
troppo spesso
forse falco od avvoltoio
ma a volte pettirosso
a volte colibrì
e non capisci
che la vespa non si sventra
quando punge
io invece sì?

Ascolta Alberi letta dall’autrice