Portami via

Portami via
dalla menta e dal basilico
da questo punto impreciso
da questa crosta compromessa
da questo sistema solare.

Portami via
dagli spaghetti e dagli scogli
da Jean-Claude Izzo
dal mediterraneo
e dalle oratelle alla brace.

Portami via
dal raccontare storie
da Salgari e da Cézanne
dal catrame
dal riportare in vita i paesaggi.

Portami via
dalla ruggine e dalla grandine
dai cornicioni e dalle fondamenta
dalle ossature sdrucciolevoli
e da tutte queste sveglie.

Portami via
dai numeri civici
dagli sfratti e dalle antenne
dai cavi sui rami degli alberi
e dalle soste non autorizzate.

Portami via
dai brandelli di confine
pozzanghere di quasi mare
cielo coesistenza finis terrae
fragili appigli per naufraghi.

Portami via
da questi spigoli imbottiti
da queste parentesi graffe
da tutte le conversazioni
da tutti i significati.

Ascolta Portami via letta dall’autore